Mauro Laus - La storia | Mauro Laus presidente del Consiglio regionale piemontese
50253
page,page-id-50253,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,tactile-ver-1.9,smooth_scroll,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.1,vc_responsive
Uno dei primi argomenti trattati in occasione dell’insediamento di Mauro Laus in qualità di Presidente del Consiglio Regionale il 30 giugno del 2014  è stata la nuova legge che introduceva la riduzione dei numero dei consiglieri, insieme a un ridimensionamento dell’esecutivo.
Mauro Laus ha sempre avuto a cuore la gestione parsimoniosa delle risorse pubbliche e, per quello che gli compete, ha dimostrato che il risparmio è un dovere civico.
Più precisamente è il principio di non sprecare che domina l’operatività di Mauro Laus in Piemonte, che ha già intrapreso altre iniziative in tal senso, come nel caso degli Stati Generali dello Sport.

 

Il sito del Consiglio Regionale del Piemonte

presidente del Consiglio regionale Mauro Laus

Presidente del Consiglio regionale Mauro Laus

Nell’ottica di un’amministrazione trasparente, Mauro Laus ha voluto arricchire di contenuti e informazioni del sito di questo ente, con il quale è possibile stare più vicino ai cittadini, porre ascolto alle loro istante, comunicare e scambiare idee, opinioni, proposte.
L’interazione tra la politica e i cittadini per Mauro Laus è un dovere verso la comunità, che così viene a conoscenza dell’organizzazione della giunta, dei compiti, delle iniziative, dei progetti e di tutto quello che riguarda la regione e che può essere condiviso in tempo reale con loro.
Mauro Laus è entusiasta di poter avere un contatto diretto e un mezzo con il quale dare voce ai cittadini e per questo ci sono i contatti che possono essere utilizzati come filo diretto con la giunta regionale piemontese.

 

Gli Stati Generali dello Sport

L’iniziativa è nata in vista del miglioramento di alcuni aspetti della vita dei cittadini e in particolare di coloro che hanno sono nella sedentarietà. L’obiettivo è quello di favorire l’attività motoria a tutte le età perché è scientificamente provato che è fonte di benessere, anche sul lungo periodo.
Gli Stati Generali dello Sport sono presieduti proprio da Mauro Laus, che ha chiamato a collaborare anche gli assessori appunto allo sport, all’istruzione, alla sanità e anche il Miur e il presidente del Coni per allargare questo tavolo a livello interregionale e nazionale. Mauro Laus nelle sue intenzioni vuole trasmettere il valore dello sport a partire dall’infanzia, per migliorare gli stili di vita al fine di migliorare anche la salute.
A questo si unisce un’informativa sulle patologie che nascono dalla sedentarietà, sia a livello fisico che emotivo, per una prevenzione su grande scala delle stesse. L’attenzione di Mauro Laus non ha trascurato anche un informativa sull’educazione alimentare sana, con la collaborazione dell’azienda Ferrero che si è offerta di pagare gli studi ad alcuni studenti di Scienze Motorie, per creare una rete che possa collegare questi ambiti che fanno tutti riferimento alla cultura sportiva e salutare.
In tal modo si abbassano i costi del settore sanitario in quanto la responsabilità sociale non è solo quella degli enti, ma anche delle aziende, della politica e delle agenzie educative. Molte patologie si possono prevenire, conoscendo e mettendo in pratica uno stile di vita sano.